Ven 7 Marzo: “Tenfold Rabbit” (Estonia)

tenfold rabbit foto

Tenfold Rabbit, un quartetto molto attivo formato dal cantante e fisarmonicista Andres Kõpper, Meelik Samel al basso, Jaan Jaago alla chitarra e Oliver Rõõmus alla batteria, sono tra gli alfieri della nuova scena baltica che sta incominciando a farsi conoscere ed apprezzare in tutta Europa.

Il loro sound oscilla tra un folk rock e venature indie e aperture più pop e gli ha permesso con il loro primo album, dal titolo “Travel the World” nel 2012 di vincere come disco dell’anno nella categoria Indie/Alternative agli Estonian Music Awards.

Annunci

Ven 28 Febbraio: “Edoardo Cremonese”

858521_10203184691607631_891553057_o

Edoardo Cremonese (già Edo), classe 1986, è un padovano purosangue che dal 2009 vive a Milano. A 19 anni viene ingaggiato da MTV per buttarsi col paracadute sul palco di TRL durante l’esibizione live dei Muse, sotto lo sguardo allibito di migliaia di persone. Nel 2004 forma gli Isterica, la sua prima band, ma è dal 2007 che comincia ad intraprendere la strada “solista” con lo pseudonimo di Edo; nel 2008 realizza con Marco Fasolo dei Jennifer Gentle un album che non vedrà mai la luce. Nel 2009 schioda da Padova, non prima di aver registrato fra le ante del suo armadio l’ep “Naso a tramezzino”, che segna il suo debutto nel mondo del “cantautorato” italiano, riscuotendo un inaspettato interesse (XL di Repubblica, Blow up, Rockit ecc.) e incuriosendo diversi addetti ai lavori. Nel frattempo all’Accademia di Brera a Milano perfeziona gli studi di “Belle Arti” cominciati a Venezia, intensificando parallelamente la sua attività musicale. Raccoglie storie e ispirazioni, si sposta dall’armadio all’altro lato della camera e sotto il suo letto a soppalco nasce “Per Vedere Lost”, prima prova sulla lunga distanza totalmente autoprodotta che vede la luce nel 2011 ed in cui fa tutto da se: scrive, canta e suona tutto il necessario. Seguono un paio di anni in giro per l’Italia caratterizzati da oltre cento concerti, alcune volte da solo con la sua chitarrina acustica, altre volte accompagnato dai “Bucanieri”, band di amici storici con cui il rapporto si intensifica e che perciò Edoardo decide di coinvolgere per le registrazioni del suo nuovo album. Abbandonato lo pseudonimo Edo per tornare al proprio nome e cognome, l’artista inizia nel 2012 a lavorare a “Siamo il remix dei nostri genitori”, che uscirà ad ottobre 2013 per Libellula/Dischi Soviet Studio.

Ven 21 Febbraio: “Giuradei”

giuradei-680x380

Giuradei è il nome che rappresenta il progetto artistico/musicale dei fratelli Giuradei, Ettore, classe 1981, autore di testi e musica e Marco, 1986, polistrumentista e arrangiatore, affiancati da Domenico Vigliotti, fonico sia live che in studio, Alessandro Pedretti alla batteria e Nicola Panteghini alla chitarra. Nel 2006 esce il primo disco “Panciastorie”, per Mizar Records/Audioglobe, che vince nello stesso anno il Premio Nuova Canzone d’Autore al M.E.I. di Faenza e arriva in finale al Premio Fuori dal Mucchio 2006 e al Premio De Andrè 2006. Il secondo album, “Era che cosi’” esce a marzo 2008, per Mizar Records/Novunque e viene presentato in tutta italia con un tour di due anni in cui si contano 170 date tra le quali spiccano le partecipazioni al Premio Tenco 2008 e al Premio Ciampi 2009. A novembre 2010 esce “La Repubblica del Sole”, il terzo album, creato anche con la collaborazione dei nuovi musicisti e accompagnato da un ottimo successo di critica e pubblico grazie ad un tour infinito.