Ven 31 Gennaio: “Laura Furci”

unnamed

“Laura Furci è una pianista di formazione classica, appassionata per il Jazz d’avanguardia, la canzone spagnola, il rock progressivo.
Un bagaglio che le è servito per convertirsi in una cantante e compositrice ardita ed originale, di
difficile catalogazione e ricca esposizione.

Furci è una abituale degli scenari Newyorkesi, Berlinesi e Spagnoli, avendo vissuto tra la Spagna,
New York e Berlino per gli ultimi 8 anni. In Italia ha aperto con in suo concerto una del date
italiane del vocalista Jazz americano vincitore di 6 Grammy Awards, Al Jarreau al “Festival musica
d’autore” di Grado, dove ha anche duettato con la star mondiale durante lo Show; lo show di
Rapahel Gualazzi al Teatro Nuovo Giovanni da Udine, quello di Nicola Conte, ed altri.

E’ appena rientrata in Italia dopo la registrazione dei suoi nuovi lavori, che si riuniscono nel Cd “Think con la tua cabeza”:
l’album, che contiene 14 temi originali della compositrice in tre lingue diverse, quelle dei luoghi in
cui ha vissuto, è stato prodotto e registrato a New York con Ugonna Okegwo al basso, Colin
Stranahan alla batteria e Michael League al basso elettrico, chitarra, rhodes, tra gli altri,
all’Eastsidesound Studio di New York, mixato da Marc Urselli.

“Think con la tua cabeza”, è uno dei suoi messaggi, messaggi che spronano a
mettersi alla prova ed a cercare senza paura la propria strada, non quella che
gli altri disegnano per noi.

www.laurafurci.com

Sab 25 Gennaio: “Quinteto Porteño”

quinteto

Il Quinteto Porteño, composto da Nicola Milan (fisarmonica), Simone D’Eusanio (violino), Daniele Labelli (pianoforte), Roberto Colussi (chitarra) e Alessandro Turchet (contrabbasso), è nato nel 2006 per esplorare il tango argentino, guardando in particolare alla musica di Astor Piazzolla. Il primo disco del quintetto, Decarísmo, era infatti un omaggio al compositore argentino, virtuoso del bandoneón e riformatore della cifra stilistica del tango. La sua rivoluzione aveva dato vita a un genere originale, il nuevo tango, che alla tradizione argentina univa elementi provenienti dalla musica classica e dal jazz.

La musica del Quinteto Porteño era stata accompagnata sin dagli esordi dall’entusiasmo e dall’apprezzamento del pubblico e adesso si presenta con composizioni originali interamente arrangiate dalla formazione, contenuti nell’album Desiderata, uscito per AlfaProjects (AlfaMusic).

Il punto di forza dell’ensemble è, oltre alla spontaneità espressiva, l’unione di mondi musicali molto diversi tra loro: nelle composizioni del Quinteto Porteño i ritmi argentini sono accompagnati dalla musica classica, dal jazz (ogni brano ha uno spazio dedicato all’improvvisazione) e da una vena cantabile tipicamente italiana.

In tal modo prende forma una musica colta, raffinata e al tempo stesso popolare, come è per ogni tango. C’è, però, in Desiderata, anche l’innovazione, il sincretismo e il piacere di un ascolto fluido e orecchiabile.

Ven 17 Gennaio: “Nicespare”

919251_419252991505186_1575425220_o

Canzoni elettriche, atmosfere abbacinanti e dal sapore dark, brani incalzanti e romantiche ballads, grande originalità con ammiccamenti al rock anni ’70 ed alla new wave anni ’80. I Nicespare sono una nuova realtà della scena musicale trevigiana (Matteo Strada alla chitarra e voce, Andrea Bobbo al basso e Rossano Mezzi alla batteria). Presentano i brani che saranno contenuti nel cd in uscita nel 2014.