Ven 29 Novembre: “Limone”

avatars-000032185071-ebjovf-crop

Limone, chi è Limone? Limone è un frutto, nato e maturato dopo un percorso artistico articolato e fatto di esperienze in diverse band di estrazione rock. Abbandonati questi progetti, Limone inizia a seguire la strada dell’autoproduzione con copiose registrazioni casalinghe, che altra funzione non hanno se non rispondere alla sola ed insopprimibile esigenza di dare forma musicale a pensieri e sensazioni sul mondo circostante. Dopo alcuni anni dedicati a questo lungo lavoro di pre-produzione, nel 2011 il progetto di Limone prende forma ufficialmente ed il cantautore si avvicina all’etichetta padovana Dischi Soviet Studio. Nello stesso anno comincia anche l’attività live, che ad ogni appuntamento ripropone la particolare alchimia tra l’intimità del pezzo elaborato, limato, “vissuto” tra le mura di casa, e la sua condivisione con il pubblico. Spunti e pensieri presentati con sonorità leggere ed una pungente ironia. Nel progetto di Limone sono coinvolti due musicisti, lo stesso Limone al piano, alle chitarre e alla voce ed il bassista, cantante e chitarrista Federico Pigato. Oltre a loro sul palco un lettore di giornale, accomodato tra il piano e l’amplificatore, intento ad approfondire articoli di cronaca (o sport? O economia?) comodamente seduto su una poltrona, rischiarato dalla luce di una abat jour: il set di Limone si presenta molto “domestico” e le sue esibizioni si rivelano sempre un affare tra pochi, o molti, intimi. Lasciatevi invitare anche voi: nonostante si presenti come un “salotto”, non c’è niente di esclusivo.

Ven 22 Novembre: “Erin K” (UK)

Erin Rankin

la nuova sirena del folk londinese (anzi, dell’anti-folk scene, come si definisce): Erin K. Sensuale, furba, a giocare con la sua immagine e con le sue canzoni che parlano di “sex dolls, hybrid animals, relationships and food”. Il primo singolo “Coins” esce nel 2011 assieme all’olandesina Tash ter Braak, Erik & Tash sono di fatto un duo che dopo l’ep “Our First” del 2012 si divide. Erin K inizia quasi per caso, non molti anni fa. Un giorno prende una chitarra e comincia a scrivere canzoni autobiografiche, con cui ha conquistato il successo sulle scene anti-folk di Londra. L’ambiente londinese impiega poco tempo ad accorgersi di lei. Le sue canzoni bizzarre ma oneste e sincere, assemblate con stile unico e personale e le liriche che trattano argomenti di tutti i giorni ma anche tematiche decisamente più “politically incorrect” (bambole del sesso), colpiscono l’attenzione dei molti appassionati. Le esibizioni in location prestigiose non tardano ad arrivare. Con il suo gruppo, Erin K suona alle recenti Olimpiadi e Paraolimpiadi di Londra 2012. Fa la sua apparizione nel prestigioso cartellone del Festival di Edimburgo e a Londra arriva a conquistare due templi della musica come l’Union Chapel e il Bush Hall. Il singolo di debutto, “Coins” strega Huw Stephens che lo propone come suggerimento settimanale nel programma “Bbc Introducing”. Poi la stampa specializzata accende i riflettori sulla giovane ragazza che intanto si trasferisce a vivere negli States per dedicarsi anima e corpo al suo primo album. Divertenti, senza mai scivolare nella commedia, tristi , ma mai malinconici, Erin K e la sua band infilano con disarmante naturalezza armonie e testi che coinvolgono

Ven 15 Novembre: “Amarins Moon” (Olanda)

1264435_683500625011789_1436472999_o

Amarins Moon (Olanda) è la nuova band della cantatutrice Amarins Romkema.
Dopo aver suonato per 5 anni con ‘le gatte negre’ Amarins decide che è il momento per qualcosa di nuovo. Dopo una pausa di sei mesi, viaggiando per il Sud America, e lavorando per il teatro e per il cinema, arriva l’ora di iniziare un nuovo progetto con altri musicisti. In un breve periodo la band, che adesso si chiama Amarins Moon, ha lavorato su nuovi pezzi sviluppando un suono più genuino. Ad ottobre saranno in un tour di tre settimana per l’Italia, da Milano alla Sicilia e ritorno.

Amarins Romkema – lead vocals, guitar, ukulele, charango, mandoline
Fiora Beuger – harmony vocals, accordion, kalimba, xylophone, piano
Donné la Fontaine – double bass, ukulele, singing saw
Juri Kuefner – percussion

Ven 8 Novembre: “Stuart O’Connor” (UK)

15873_10152588418635413_832876380_n

Cantautore psychedelic-folk con all’attivo quattro album che sta portando in giro per il mondo. Stuart infatti ha realizzato in 6 anni circa 1500 date con quattro tour in Giappone, Thailandia, Nuova Zelanda ed Australia, frutto della passione per la musica e per lo stile di vita “on the road”.
Un carico di esperienza e tante cose da raccontare attraverso le canzoni del suo ultimo album
“Good Times With Evil” Caratteristica principale di Stuart O’Connor è la completa matrice indipendente dei suoi lavori. Chitarra voce, oggetti e loop station lo accompagnano sempre, un live da non perdere assolutamente!!!!