Ven 25 gennaio: “Ektar sextet”

big_buona

Szabolcs Szőke- gadulka, array mbira
Gabor Juhász-chitarre
Peter Szalai- tabla, percussioni
Daniel Váczi – sassofono alto, sopranino
David Boato – tromba, flicorno
Francesco Socal – clarinetti

Musicista, compositore, attore, Szabolcs Szőke è una delle figure più significative del panorama culturale ungherese contemporaneo. Residente a Budapest, da anni ha scelto l’Italia ed in particolare Venezia come sua seconda casa.

Oltre che da lui, il sestetto sarà composto da tre dei suoi più fidati musicisti ungheresi, figure centrali della scena jazz ed etno-jazz di Budapest, dalla tromba del noto trombettista jazz David Boato, e dai clarinetti di Francesco Socal.

Tra le altre composizioni, Szabolcs presenterà i brani dell’ultimo disco “Via Ilka”, realizzato a Budapest proprio in collaborazione con David Boato.

Annunci

Ven 18 gennaio: “Vincenzo Vasi”

Polistrumentista, compositore versatile e dallo stile surreale – suona infatti basso, theremin, marimba, vibrafono, tastiere e voce – è considerato uno dei musicisti più eclettici nell’ambito delle musiche eterodosse e non.
Il suo stile spazia trasversalmente toccando vari generi, dalla sperimentazione elettronica sino al pop d’autore, attualmente in formazione fissa con Vinicio Capossela, ha collaborato con tantissimi musicisti tra cui: Mike Patton, John Zorn, Roy Paci e moltissimi altri.

Ven 11 gennaio:”Eden 7° anniversario”

386894_10150936273432364_2095533374_n

Settimo anniversario per l’Eden Café, ci aspetta una festa tutta da ballare, una serata divertente con , direttamente da Roma, Evì Evàn un evento da non perdere, musica rebetika, originaria della grecia fonde sonorità occidentali e orientali e che per i suoi temi è stato paragonato al Fado e al Blues, l’orchestra porta il suo messaggio di fratellanza, multiculturalità ed uguaglianza.

Inizio concerto ore 21.00

“Edo” @Eden Café

edo

“Edo c’è dal 2006, ed è la roba più stereotipata e geniale in tema di cantautorato “alternativo” italiano.

E’ pop con le ali, musica solare, melodie come spine di un manico da scopa andato a male e frustazione che evapora a colpi d’ ironia.” 

Pagina FB edo: www.facebook.com/soloedo

Video di “Dopo l’Università tà tà tà tà”: http://www.youtube.com/watch?v=GQDU0ofQcIA

Video di “Vedere Lost”: http://www.youtube.com/watch?v=iBFQUqkusLU